Tar Umbria – Sentenza 722 e Sentenza 723

PRIMATO DI STATO E AIFA

Le Regioni non possono indire gare che stabiliscono l’equivalenza terapeutica tra medicinali indipendentemente dalle valutazioni dell’Aifa e questo vale a maggior ragione per i biosimilari, già per definizione “non equivalenti” all’originator.

È stato infatti sottolineato che in base al riparto di competenze tra Stato e Regioni di cui all’articolo 177 della Costituzione (nonché in base all’articolo 15, c. 11-ter del cosiddetto “decreto Salute”, Dl179/2012, non applicabile ratione temporis alla procedura in questione) compete allo Stato la valutazione in merito all’equivalenza di diversi principi attivi, non potendo le singhole Regioni incidere autonomamente nel merito delle scelte terapeutiche.

Sentenza 722: tar_umbria1

Sentenza 723: tar_umbria2

Nessun commento

Sorry, the comment form is closed at this time.