Tar Lazio – Sentenza 6490

Le Regioni non possono indire gare che stabiliscono l’equivalenza terapeutica tra medicinali indipendentemente dalle valutazioni dell’Aifa e questo vale a maggior ragione per i biosimilari, già per definizione “non equivalenti” all’originator.

Nel mirino i prezzi di riferimento di alcuni farmaci “biotecnologici” ai sensi dell’articolo 17 delle Legge n. 111/2011 che l’Osservatorio ha fissato considerando il prezzo più basso di aggiudicazione di farmaci “biosimilari”.Il Tar Lazio dato ragione alle aziende ricorrenti riconoscendo che i farmaci “biotecnologici” non possono essere assimilati a quelli chimici di sintesi, essendo ottenuti dalla elaborazione di cellule viventi e dunque dotati di elementi di unicità, non trasferibili da un laboratorio ad un altro.

Sentenza 6490: tar_lazio

Nessun commento

Sorry, the comment form is closed at this time.